Privacy

Informazioni Generali

PRESTIAMOCI S.p.A. (di seguito Prestiamoci) considera la tutela dei dati personali un principio fondamentale da garantire nell’erogazione dei propri servizi.

In tal senso, Prestiamoci si impegna a tutelare la protezione e la riservatezza dei dati personali, progettando ed implementando procedure e standard privacy conformi ai principi dettati dal nuovo Regolamento UE 2016/679 sulla protezione dei dati personali (General Data Protection Regulation, di seguito “Regolamento” o “GDPR”) e dalla normativa nazionale vigente in materia di protezione dei dati personali.

Per ulteriori informazioni relative alla protezione dei dati personali trattati, Prestiamoci, in qualità di titolare del trattamento, ti invita a leggere attentamente il documento “Informativa sul Trattamento dei Dati personali”, qui di seguito disponibile nella sua versione aggiornata:
>  Informativa sul Trattamento dei Dati personali

In conformità alle disposizioni del Regolamento, Prestiamoci ha nominato un Responsabile della Protezione dei Dati (c.d. Data Protection Officer), al quale è possibile rivolgersi per le questioni relative al trattamento dei dati personali e/o per esercitare i diritti previsti dal Regolamento stesso.
Il Data Protection Officer può essere contattato ai seguenti recapiti:

  • indirizzo postale: Prestiamoci S.p.A. – Foro Buonaparte, 12 – 20121 Milano (MI)
  • email: privacy@prestiamoci.it
  • pec: prestiamociprivacy@legalmail.it
Il modulo per l’esercizio dei diritti in materia di protezione dei dati personali è qui di seguito disponibile:
>  Modulo per l’esercizio dei diritti



I Sistemi di Informazioni Creditizie

I Sistemi di Informazioni Creditizie (c.d. SIC) sono delle banche dati che raccolgono e gestiscono tutte le informazioni relative a richieste di credito ed a finanziamenti erogati da banche e da altri intermediari finanziari.
Gli enti partecipanti (banche e società finanziarie), su base volontaria, forniscono ai SIC i dati relativi ai rapporti di credito della propria clientela e, per contro, vi accedono per conoscere la storia creditizia (andamento dei pagamenti; esposizione debitoria residuale, stato del rapporto) di chi ha richiesto un finanziamento.
Dal 1° gennaio 2005 è in vigore il “Codice di deontologia e buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti” pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 23 dicembre 2004 (sito web www.garante privacy.it), che disciplina specificamente l’attività dei SIC e degli enti finanziari che vi accedono.
Anche Prestiamoci, per effettuare la valutazione delle richieste di Prestito, interroga queste banche dati con l’obiettivo di verificare l'affidabilità, la puntualità nei pagamenti e il rischio di sovraindebitamento del soggetto richiedente.
Per poter accedere e consultare i SIC, Prestiamoci, in qualità di titolare del trattamento, ti invita a leggere attentamente il documento “Informativa sui Sistemi di Informazioni Creditizie”, qui di seguito disponibile nella sua versione aggiornata:
>  Informativa sui Sistemi di Informazioni Creditizie

I Sistemi di Informazioni Creditizie a cui Prestiamoci partecipa sono:

  • CRIF S.p.A. - Ufficio Relazioni con il Pubblico - Via Zanardi 41 - 40131 Bologna (BO)
  • EXPERIAN ITALIA S.p.A. - Servizio Tutela Consumatori - Piazza dell’Indipendenza 11/b - 00185 Roma (Roma)
I tempi di conservazione dei dati nei Sistemi di Informazioni Creditizie sono i seguenti:
  • Richiesta di finanziamento: 6 mesi, qualora l’istruttoria lo richieda, o 1 mese in caso di rifiuto della richiesta o rinuncia della stessa;
  • Morosità di due rate o di due mesi poi sanate: 12 mesi dalla regolarizzazione;
  • Ritardi superiori sanati anche su transazione: 24 mesi dalla regolarizzazione;
  • Eventi negativi (ossia morosità, gravi inadempimenti, sofferenze) non sanati: 36 mesi dalla data di scadenza contrattuale del rapporto o dalla data in cui è risultato necessario l'ultimo aggiornamento (in caso di successivi accordi o altri eventi rilevanti in relazione al rimborso). Il termine massimo di conservazione dei dati relativi a inadempimenti non successivamente regolarizzati - fermo restando il termine «normale» di riferimento di trentasei mesi dalla scadenza contrattuale o dalla cessazione del rapporto di cui all'art. 6, comma 5, del «codice deontologico» - non può comunque mai superare - all'eventuale verificarsi delle altre ipotesi previste dal citato art. 6, comma 5 - i cinque anni dalla data di scadenza del rapporto, quale risulta dal contratto di finanziamento (Provvedimento del Garante del 6.10.2017 – Delibera n. 438);
  • Rapporti che si sono svolti positivamente (senza ritardi o altri eventi negativi): 36 mesi dalla data di cessazione del rapporto o di scadenza del contratto, ovvero dal primo aggiornamento effettuato nel mese successivo a tali date (in caso di compresenza di rapporti con eventi positivi e di altri rapporti con eventi negativi non regolarizzati, si applica il termine di conservazione previsto per i rapporti con eventi negativi non sanati).

Reclami in tema di Privacy
Per evidenziare una violazione della disciplina in materia di privacy - cancellazione banche dati (SIC), è possibile richiedere una verifica, presentando reclamo all’Autorità Garante per la Protezione dei Dati personali, tramite l’apposito modello disponibile sul sito www.garanteprivacy.it.



 



Hai bisogno di aiuto?