21.04.2020 Prestatori

Importanti novità e opportunità per i prestatori di Prestiamoci

Gli investimenti in Prestiamoci proseguono con il loro andamento positivo. Ecco alcune nuove opportunità e alcune informazioni per i Prestatori.

La piattaforma di Prestiamoci continua a dimostrare rendimenti positivi e, a due mesi circa da quando è iniziata la crisi, non si sono manifestate irregolarità e criticità anomale sui rimborsi dei finanziati sul portafoglio erogato. 

Nel grafico sottostante si evidenzia l’andamento dei rendimenti generati da tutti i prestiti della piattaforma espresso in forma di indice, confrontato con l’andamento dei principali indici di borsa del mondo. 

Si conferma la solidità del portafoglio prestiti erogati, con rendimenti che si vanno ad accumulare nel tempo generando un ritorno complessivo significativo e di molto superiore ai principali indici delle borse. Questo andamento era superiore prima della crisi in atto, già a partire dal secondo semestre del 2017, ma i recenti accadimenti fanno rilevare addirittura un ulteriore miglioramento, laddove invece gli indici di borsa mostrano notevoli difficoltà.

L’investimento in Prestiamoci ha volatilità molto bassa e non risente degli andamenti immediati e talvolta irrazionali della crisi, come sta avvenendo in questi giorni per le borse, e, potendo contare sui margini significativi accumulati nel tempo, ha rappresentato una forma di investimento difensiva nel contesto di mercato attuale.  

La piattaforma è in piena salute e stiamo agendo in modo attento con le azioni di seguito indicate per tutelare i vantaggi acquisiti.

L’obiettivo è difendere il portafoglio erogato e conservare stabile la redditività del portafoglio investito, con tre azioni:

Attento monitoraggio andamento del portafoglio 

Come detto, non sono emersi segnali di deterioramento. A due mesi dall’avvio della crisi e in procinto di avviare la “fase due”, ci saremmo attesi già dei segnali e quindi al momento ci aspettiamo che i flussi di incasso continueranno stabili.  Al riguardo stiamo monitorando anche altre piattaforme europee e confermiamo che la scelta di Prestiamoci di affidare una clientela “prime”, con tassi magari meno rischiosi, sta evidenziando un comportamento moroso significativamente diverso fra le piattaforme più speculative e quelle più conservative.  L’indice dei ritardati pagamenti (“30+” ovvero tutti i prestiti con almeno due rate in ritardo, quello immediatamente sensibile al deterioramento) a fine marzo si attesta sul 1,2%, leggermente superiore allo 0,9% registrato a gennaio, precedentemente la crisi ma comunque ampiamente inferiore alle medie di settore. Siamo in ogni caso pronti ad intervenire con azioni di recupero tempestive ed eventuali sospensione dei piani nel corso del periodo di crisi per le categorie effettivamente impattate.

Nuove opportunità di erogazione

Prestiamoci è una delle poche aziende in grado di lavorare la 100% in remoto e in modalità digitale. In questo momento tale caratteristica ci ha portato ad avere un vantaggio rispetto agli operatori tradizionali. 

Potendo sfruttare tale vantaggio ci stiamo adeguando per tenere conto dello scenario mutato per effetto della crisi epidemica, in due direzioni: 

  • Adeguamento dei criteri di valutazione al mutato scenario per mantenere, come sempre, elevata attenzione al merito creditizio e mantenere la nostra performance di incidenza di perdite di circa 1/10 rispetto alla media di mercato
  • Individuazione di nuove opportunità, che con la situazione di mercato si stanno presentando e potranno fornire interessanti rapporti rischio/rendimento.

Gestione dei flussi di incasso 

In presenza di nuove modalità di investimento ci muoveremo per accelerare laddove è possibile l’estinzione di prestiti erogati con le “vecchie” modalità. Stiamo verificando se questo è possibile, in modo da mettere al sicuro una parte dei rendimenti del 116% sopra indicati per reinvestirli in nuove opportunità.

In questa direzione stiamo agendo su due fronti:

  • proponendo a clienti già affidati la ri-emissione dei prestiti con la possibilità della sottoscrizione di assicurazione (meno rischiosi dell’esistente)
  • attuando operazioni di cessione in blocco come acceleratore della liquidazione delle posizioni in piattaforma.

Su questa seconda alternativa abbiamo il piacere di comunicare che abbiamo concluso una cessione in blocco di una parte del portafoglio che porterà all’estinzione anticipata di una parte dei prestiti.  La cessione avverrà per l’intero debito esistente alla data di cessione, ovvero incassando il 100% degli importi impegnati.

Nei prossimi giorni si rileverà all’interno di alcuni portafogli, una riduzione temporanea del saldo impiegato per effetto della estinzione anticipata di prestiti. Si creeranno quindi le disponibilità pronte per essere investite in un nuovo ciclo di sviluppo dell’attività.

È un piacere poter presentare un’operazione di tale importanza che ha il vantaggio di assicurare ulteriormente le disponibilità dei clienti per metterli in condizione di cogliere la futura ripresa. L’operazione in questione è un grande successo per la piattaforma e siamo orgogliosi di poter essere l’unica realtà in grado di proporre tale opportunità ai propri clienti.

L’operazione si chiuderà entro martedì 28 aprile alle 12:00, per qualunque informazione non esitate a contattare il servizio clienti: prestatori@prestiamoci.it  mob. +393461206700

Seguiranno nuove opportunità di investimento nel corso del prossimo periodo in cui interpelleremo i Prestatori per acquisire il loro parere e valutare l'interesse a partecipare all’operazione di crowdfunding su Prestiamoci con condizioni privilegiate ai clienti/soci.

Hai bisogno di aiuto?
Richiedenti: 342 9992168 / 0235948784 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 16:00 - Prestatori: 346 1206700 / 02 35948791 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00