Nuova Definizione di Default

Nuove Regole Europee di Definizione di Default
 
Le Nuove Regole Europee in materia di classificazione dei clienti inadempienti in default, note come “Nuova Definizione di Default”, in vigore dal 1° Gennaio 2021, stabiliscono criteri e modalità più stringenti rispetto a quelli finora adottati dalle Banche e dagli Intermediari finanziari che esercitano il servizio di concessione di finanziamento sotto qualsiasi forma.
 
Alla luce di queste novità diventa ancor più importante mantenere monitorate tutte le proprie posizioni per evitare che uno sconfinamento sul conto corrente o arretrati di pagamento, anche di piccolo importo, comportino una classificazione a default, con i conseguenti effetti negativi che potrebbero rendere più difficoltoso l’accesso al credito nel caso di richiesta di nuovi finanziamenti.
 

Le Principali Novità
 
Nuova Regola
Il Cliente viene classificato a default se supera entrambe le seguenti soglie di rilevanza per oltre 90 giorni consecutivi:
  • in termini assoluti: euro 100 per le esposizioni al dettaglio (Persone Fisiche e PMI) ed euro 500 per le altre esposizioni;
  • in termini relativi: 1% dell’importo complessivo di tutte le esposizioni del cliente verso la banca /Intermediario.
[Regola fino al 31 Dicembre 2020: “Il Cliente viene classificato a default se presenta arretrati per oltre 90 giorni consecutivi pari ad almeno il 5% del totale delle esposizioni del cliente verso la banca /intermediario.”]
 
 
Nuova Regola
La compensazione su iniziativa dell'Intermediario non è più consentita. Di conseguenza, l'Intermediario è tenuto a classificare il cliente a default anche in presenza di disponibilità su altre linee di credito non utilizzate.
 
[Regola fino al 31 Dicembre 2020: “È consentita la compensazione degli importi scaduti con le disponibilità presenti su altre linee di credito non utilizzate o parzialmente utilizzate dal cliente.”]
 
 
Nuova Regola
Lo stato di default permarrà per almeno 90 giorni dal momento in cui il cliente regolarizza l’arretrato di pagamento e/o rientra dallo sconfinamento di conto corrente
 
[Regola fino al 31 Dicembre 2020: “Lo stato di default viene meno nel momento in cui il cliente regolarizza verso la banca l’arretrato di pagamento e/o rientra dallo sconfinamento di conto corrente”.]
 
 
Nuova Regola
Con riferimento alle obbligazioni congiunte (c.d. “cointestazione”) sono previste alcune nuove regole di contagio del default:
  • se la cointestazione è in default, il contagio si applica alle esposizioni dei singoli cointestatari;
  • se tutti i cointestatari sono in default, il contagio si applica automaticamente alle esposizioni della cointestazione.
[Regola fino al 31 Dicembre 2020: “Non sono previsti automatismi di contagio del default nel caso di obbligazioni congiunte (c.d. “cointestazione”).]


Sulla base delle nuove regole, anche solo un arretrato superiore a 100 euro mantenuto per oltre 90 giorni, che rappresenti più dell’1% del totale delle esposizioni del cliente verso Prestiamoci Spa, comporta lo stato di default di tutte le esposizioni del cliente stesso.

 
Consigli Utili
Per evitare le conseguenze di una classificazione in DEFAULT è importante:
  • rispettare con puntualità le scadenze di pagamento contrattualmente previste e attenersi al piano di rimborso dei propri debiti senza trascurare le posizioni di piccola entità;
  • in caso di pagamento delle scadenze tramite addebito automatico (SDD), verificare che, alla data di scadenza della rata, sul conto corrente di addebito siano presenti sufficienti disponibilità liquide;
  • tenere costantemente monitorati i saldi dei propri conti correnti.

Prestiamoci Spa è a tua completa disposizione per darti il massimo supporto in questa importante fase di cambiamento, per fornirti chiarimenti sulle novità normative e per individuare le soluzioni che meglio rispondono alle tue esigenze.
 
Per ulteriori informazioni è possibile consultare anche “Q&A sulla nuova definizione di default” di Banca d’Italia cliccando qui.
 

Normativa di riferimento
  • EBA/GL/2016/07 “Linee Guida sull’applicazione della definizione di default ai sensi dell’art. 178 del Regolamento UE n. 575/2013”
  • EBA/RTS/2016/06 “Nuove tecniche di regolamentazione relative alla soglia di rilevanza delle obbligazioni creditizie in arretrato” che integrano il Regolamento Delegato UE n. 171/2018 della Commissione Europea del 19 ottobre 2017


Hai bisogno di aiuto?
Richiedenti: 342 9992168 / 0235948784 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 16:00 - Prestatori: 346 1206700 / 02 35948791 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00